Come apparire in prima posizione su google?

Se vi state chiedendo come apparire in prima posizione su google evidentemente state investendo o cercate di orientare i vostri sforzi verso il vostro sito web e vorreste che questo vi conceda i risultati sperati.

Magari la vostra web agency vi ha promesso che una volta aperto il sito o l’e-commerce sareste subito apparsi su internet e la gente avrebbe acquistato i vostri prodotti da tutto il mondo.

Bene, non è così.

Come apparire in prima posizione su google?Cos’è il rank su google?

Per prima cosa è necessario comprendere la meccanica con la quale google gestisce i risultati di ricerca nel proprio motore; lo fa assegnando un punteggio ad ogni singola pagina e contenuto presente sul vostro sito e su tutti i siti indicizzati nel pianeta.

Questo rank o punteggio, viene ricalcolato costantemente, ogni giorno o ogni minuto, questo punteggio potrebbe variare e non ci è dato conoscerlo.

Il documento che ottiene un punteggio più alto apparirà prima nella ricerca, viceversa i documenti che otterranno punteggi più scarsi, appariranno alla fine e probabilmente non verranno nemmeno mai consultati.

Come migliorare il rank su google?

Quali sono gli elementi che concorrono a sviluppare un punteggio più alto su google? Cos’è che definisce l’autorevolezza del nostro sito?

Abbiamo senza dubbio l’anzianità del dominio sul quale è presente il contenuto, un sito su un dominio appena registrato certamente non potrà godere di alcuna autorevolezza, dunque ci vorrà almeno un annetto prima di cambiare tale parametro.

La compatibilità e leggibilità di tutti i contenuti, su più tipologie di dispositivo, PC, table, smartphone, è un altro elemento importante.

La formattazione del testo, l’osservanza dalla struttura di titoli e sottotitoli, seguendo la logica razionale della scrittura da stampa (ottimizzazione SEO).

La presenza di link a siti esterni o pagine interne, così come la presenza di link su siti terzi che puntano al proprio (backlink).

La qualità, genuinità e univocità dei contenuti presenti, copiare un testo da un altro sito non è assolutamente indice di autorevolezza.

La quantità di articoli interessanti, inerenti all’argomento cercato e ben strutturati secondo i criteri di ottimizzazione SEO.

Infine, ma non ultimo, il traffico che il sito genera, a prescindere dai contenuti, se un sito è molto trafficato significa che è interessante e google lo marchia immediatamente come autorevole!

Pagare per avere visite, pay per clickPosso risolvere il problema pagando?

Fortunatamente è possibile ovviare al problema dell’autorevolezza, google nella sua bontà vi concede di poter arrivare primi semplicemente pagando.

Con una campagna pubblicitaria su google potrete infatti, occasionalmente, apparire in prima posizione su google.

Appena il budget giornaliero sarà esaurito però, tornerete nel girone dell’inferno.

Inoltre ancora, va considerato che più il vostro sito sarà naturalmente posizionato ai livelli alti, minore sarà il costo della campagna, viceversa peggiore è il vostro rank, maggiore sarà il costo.

Ne consegue che nel tempo, sarà sempre più conveniente investire una maggiore fetta di budget per la produzione di nuovi articoli piuttosto che nella spesa in pubblicità.

Conclusioni

In definitiva l’azienda dovrebbe stanziare periodicamente un budget per il proprio sito, due fette da dividere in pubblicità e produzione di nuovi articoli.

Ignorare questo aspetto, dunque sviluppare il sito e lasciarlo li, significa solamente aver buttato il proprio investimento iniziale.