Menu di navigazioneCome si può creare un menù di navigazione user-friendly?

La struttura di un sito web è complicata, ed il primo passo da cui partire è il menu di navigazione che deve seguire un filo logico ben preciso, aiutando l’utente a trovare ciò di cui ha bisogno nel minor tempo possibile.

Anche voi stessi, proprietari di siti web, siete degli utenti e sapete bene che se riuscite a trovare le voci di vostro interesse in poco tempo navigate, altrimenti passate ad un altro.

Bisogna semplificare e sottolineare solo le parti più importanti che riguardano il sito, per le voci correlate abbiamo a disposizione i menu in pagina.

Ma cosa c’è dietro la struttura di un menu?

Prima di tutto bisogna creare una mappa cartacea (o su un file word) con le voci importanti del vostro sito.  Immaginate cosa l’utente vorrà cercare sulla vostra azienda.

Avete un e-commerce? Sicuramente la voce SHOP o ACQUISTA dovrà stare tra le prime posizioni del menu di navigazione.

Oppure il vostro è un sito vetrina? Una delle voci principali dovrebbe essere PRODOTTI e magari anche una voce dove parlate di come la materia viene prodotta.

Quindi struttura chiara e senza mezzi termini, l’utente altrimenti non capirà dove fare il suo click.

Quante voci nel menu di navigazione?Menu navigazione con sotto menu

Il numero massimo per una user experience ideale è 7. Non di più, altrimenti si scoraggerà l’utente.

Sfruttate invece l’opportunità dei sottomenu per approfondire i vostri servizi.

Quali sono le voci indispensabili?

  • La prima voce, senz’altro, dovrà essere la HOME, in modo tale che se l’utente si trova in un altra pagina abbia la possibilità di tornare alla pagina principale
  • Come seconda voce sarà utile inserire una pagina su CHI SIAMO, una descrizione dell’azienda o del personale e degli obbiettivi farà sentire l’utente coinvolto nella mission aziendale
  • Immancabile, a fine menu, la pagina CONTATTI, dove l’utente avrà la possibilità di interagire con voi

Che tono si può usare?

Il tono del menu deve essere coerente con il target a cui ci si rivolge, senza però ricercare termini complicati e poco esplicativi. Deve invogliare l’utente a cliccare, esplorare e tornare.

Nulla vieta però di usare una call to action per attirare l’attenzione, in qualche caso. Per esempio in un sito di un ristorante una voce di menu chiamata “COSA BOLLE IN PENTOLA?” potrebbe essere una valida alternativa al classico “MENU”.

Dove lo si posiziona il menu?

Deve essere ben visibile su ogni dispositivo (essere sempre responsive in tutto) e deve essere nella stessa posizione su ogni pagina del sito.

Solitamente è posizionato in orizzontale e nella parte alta della pagina ma niente vieta di posizionarlo in verticale a destra o a sinistra, come spesso si vede nei siti mobile con il “menu hamburger”.

Non esiste una legge sul posizionamento, deve solo essere visibile all’utente, che se non lo troverà abbandonerà il sito in pochi minuti.